DECRETO “RILANCIO”: misure per ambito sociosanitario, primi segnali per il “territorio”

Il Decreto Legge “Rilancio” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale: DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34  Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonchè di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19

Di seguito una sintetica illustrazione delle principali misure adottate per l’ambito  socio sanitario.

PIANI REGIONALI PER IL POTENZIAMENTO DELL’ASSISTENZA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE, finalizzati in particolare a:

-> sorveglianza attiva e monitoraggio per Covid-19, tramite i Dipartimenti di Prevenzione, MMG, Unità di continuità assistenziale, nel territorio e anche presso le strutture residenziali per anziani,

-> assistenza rivolta ai pazienti in isolamento domiciliare o nelle residenze;

-> assistenza domiciliare e territoriale verso le persone vulnerabili: con malattie croniche, disabili, con disturbi mentali, con dipendenze patologiche, non autosufficienti, in cure palliative e terapia del dolore, e in generale persone in condizione di fragilità (sono indicate nel Dpcm 12-1-2010 sui nuovi Lea: soggetti invalidi, con malattie rare e croniche, fibrosi cistica, morbo di Hansen, in dialisi, affetti da Hiv/Aids, per gravidanza-maternità, detenuti, stranieri;

-> istituzione della nuova figura dell’infermiere di famiglia/comunità, 8 unità ogni 50mila abitanti (pari a circa 9.600 infermieri) per l’assistenza territoriale e domiciliare

-> ulteriore potenziamento delle unità di continuità assistenziale con il reclutamento di medici anche ambulatoriali e di assistenti sociali per favorire la presa in carico socio sanitaria integrata.

Le misure di potenziamento della rete socio sanitaria territoriale sono finanziate con 1,25 miliardi nel 2020.

RIORDINO RETE OSPEDALIERA PER COVID-19 (TERAPIE INTENSIVE)

Sono previste anche misure rivolte al riordino della rete ospedaliera, con un potenziamento delle terapie intensive in particolare, con una spesa di 1,9 miliardi nel 2020. Qui sono compresi anche i finanziamenti aggiuntivi destinati ai fondi per le particolari condizioni di lavoro del personale e a quelli incentivanti.

LE RISORSE

Nel 2020 gli interventi del DL Rilancio (3,2 miliardi) sommati a quelli del DL  18/2020 (1,4 miliardi) e alla legge di bilancio (2 miliardi), incrementano il Fabbisogno Sanitario Nazionale FSN, rispetto al FSN 2019, di circa 6 miliardi (compreso il finanziamento per l’abolizione superticket). Resta però da precisare la quota destinata al FSN dei 1,9 mld previsti dal DL Rilancio per gli ospedali.

Nell’anno 2021 per le misure destinate al potenziamento dell’assistenza territoriale viene autorizzato un incremento della spesa di 1,246 miliardi (480 milioni per l’infermiere di famiglia) e di 400 milioni per gli ospedali (350 milioni per il personale). Non è stato però ancora previsto un corrispondente incremento del FSN 2021.

Quindi la questione principale è far diventare strutturali, oltre l’emergenza, gli interventi a sostegno del SSN.

Da segnalare l’incremento del FSN per finanziare con oltre 100 milioni di euro annui le borse di studio degli specializzandi di medicina (nel periodo 2021-2024).

E’ prevista anche una modifica delle norme per accelerare e superare i limiti dell’attuazione del progetto Fascicolo Sanitario Elettronico (che diventa socio sanitario).

Di seguito uno schematico riepilogo delle spese autorizzate (e degli incrementi del FSN)

TABELLA Riepilogo spese autorizzate per potenziamento assistenza territoriale
anno 2020
407.896.000  euro per il personale: infermiere di famiglia (332.640.000), unità di continuità assistenziale con l’inserimento anche di specialisti ambulatoriali (61.000.000), assistenti sociali (14.256.000)
10.000.000 euro indennità infermieristica studi di MMG
Totale anno 2020: 1.256.633.983 euro viene incrementato il livello FSN per la copertura integrale della spesa autorizzata (risorse definite nell’articolo 265)

anno 2021

480.000.000  euro spesa autorizzata per assunzioni infermiere di famiglia
766.466.017 euro spesa autorizzata per assistenza domiciliare e territoriale  e per centrali regionali covid-19

Totale anno 2021: 1.246.466.017 euro spesa autorizzata, non è ancora indicato l’aumento del livello del FSN, tra le risorse indicate nell’articolo 265)

 

TABELLA  Riepilogo spesa autorizzata per Riordino rete ospedaliera in emergenza Covid-19

anno 2020

240.975.000 euro per il reclutamento di personale per: piani di potenziamento strutturale delle terapie intensive, mezzi di trasporto dedicati ai trasferimenti secondari per i pazienti COVID-19, incarichi per l’emergenza in lavoro autonomo per professionisti sanitari, incarichi per l’emergenza in lavoro autonomo a professionisti sanitari in pensione, incarichi a tempo determinato al personale delle professioni sanitarie e agli operatori  socio-sanitari
190.000.000 euro è autorizzato L’incremento della spesa per la remunerazione del personale per: prestazioni correlate alle particolari condizioni di lavoro del personale e anche per i fondi incentivanti. Le Regioni, ma con risorse proprie, possono raddoppiare tali spese.

1.467.491.667 euro (di cui 54.346.667 euro per unità mobili terapie intensive) spesa autorizzata per: incremento Terapia Intensiva e aree di assistenza ad alta intensità di cure: dotazione nazionale strutturale n. 3.500 posti letto pari a 0,14 pl/mille ab., riqualificazione 4.225 pl area semi-intensiva, con relativa dotazione impiantistica, attivazione 300 posti letto di terapia intensiva, suddivisi in 4 strutture movimentabili, separazione dei percorsi  e ristrutturare i pronto soccorso, mezzi di trasporto dedicati ai trasferimenti secondari per i pazienti COVID-19.

TOTALE anno 2020: 1.898.466.667 euro da definire la quota di aumento del FSN e la quota di copertura della spesa a carico del fondo emergenze nazionali (risorse per copertura nell’art. 265)

anno 2021

347.060.000  euro spesa autorizzata per il personale per: le misure di potenziamento delle terapie intensive, mezzi di trasporto, incarichi lavoro autonomo per emergenza
25.025.250 euro spesa autorizzata per manutenzione attrezzature posti letto, pronto soccorso e mezzi di trasporto,

TOTALE: la copertura della spesa autorizzata è a valere sul FSN 2021 ma ancora non è precisato l’aumento del FSN, tra le risorse indicate nell’articolo 265.

 

Sono inoltre previste alcune limitate misure per le persone non autosufficienti e per l’assistenza alle persone disabili


Il Ministero della Salute ha pubblicato delle slide illustrative RILANCIO SALUTE e ha dedicato una pagina web speciale con un video

 

 

 

Il Commento CGIL Area Welfare

 

 

Print Friendly, PDF & Email